Lettera aperta al Ministero della Salute italiano e al Comitato Tecnico Scientifico

whatsapp-image-2020-08-07-at-10-16-51

Confindustria Bulgaria, in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria, ha inviato una lettera congiunta al Ministero della Salute italiano e al Comitato Tecnico Scientifico con la quale propongono alcune modifiche all’Ordinanza Ministeriale del 24 luglio, la quale prevede che “alle persone che intendono fare ingresso nel territorio nazionale e che nei 14 giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Bulgaria o in Romania, si applica l’obbligo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario di 14 giorni”. Con questa lettera si chiede di introdurre l’opportunità di applicare l’eccezione all’obbligo di quarantena, per le persone proveniente dalla Bulgaria, limitatamente ad una permanenza nel Paese non superiore a 120 ore, al fine di tutelare imprenditori, manager, liberi professionisti, personale tecnico specializzato e lavoratori dipendenti che a cadenza settimanale sono costretti, per chiari motivi lavorativi, a recarsi in Bulgaria dall’Italia e viceversa, per trasferte che raramente superano le 72 ore. Questa in via subordinata, sempre se possa ritenersi applicabile, alla esecuzione di un tampone 36 ore prima dalla partenza dalla Bulgaria e all’esecuzione di un secondo tampone 48 ore dopo l’ingresso in Italia.

Trovate la lettera ufficiale cliccando QUI.