Emergenza Coronavirus: Info utili

copy-of-save-the-date-20-4

 

Ambasciata d’Italia a Sofia – Ultimi aggiornamenti ufficiali

ITALIA

Decreto Legge CURA ITALIA – I primi commenti di Confindustria – DPCM 22 marzo – DL 25 marzo – DPCM 1 aprile – DL Liquidità – DPCM 10 aprile – DPCM 26 aprile – DPCM 16 maggio – DPCM 17 maggio – DPCM 11 giugno

Dal 3 giungo l’Italia è riaperta senza alcuna limitazione né obbligo di quarantena agli ingressi dei viaggiatori provenienti dai Paesi UE/Schengen.

Permane l’obbligo di presentare l’autodichiarazione per il rientro dall’estero al vettore aereo a esclusivi fini di monitoraggio (nel caso nei giorni successivi al viaggio vengano scoperti casi positivi sul dato volo). Tuttavia alcune Regioni (ad esempio la Puglia) hanno introdotto normative ad hoc finalizzate al monitoraggio dei flussi in ingresso. Non è stata predisposta alcuna limitazione specifica, ma abbondano forme diverse ed eterogenee di autocertificazioni e di obblighi di comunicazione e monitoraggio alle Autorità sanitarie localmente competenti. È quindi essenziale che i connazionali prendano attenta visione dei siti istituzionali e della normativa regionale per Regioni di loro interesse.

Lettera di Luca Serena, Presidente Confindustria Est Europa, al Ministro Luigi di Maio

BULGARIA

Il Parlamento ha dichiarato la fine dello stato di emergenza il 13 maggio, ma restano in vigore le misure di contenimento e distanziamento sociale

Con l’entrata in vigore della nuova Ordinanza 285 29 maggio 2020 viene avviato il seguente sistema:

  • Possibilità di ingresso in Bulgaria per tutti i cittadini provenienti da Paesi UE/Schengen + Serbia e Macedonia del Nord;
  • Divieto di ingresso per viaggiatori provenienti da Paesi terzi;
  • Obbligo di quarantena di 14 giorni successivo all’ingresso per viaggiatori provenienti da Italia, UK, Irlanda,  Portogallo, Malta, Svezia.

FOCUS: QUARANTENA

Articolo 5 – OBBLIGO DI QUARANTENA –

  1. Tutti i soggetti che entreranno nel territorio della Repubblica di Bulgaria provenienti dal Regno di Svezia, Regno Unito e Irlanda del Nord, Repubblica Irlanda, Repubblica di Malta , così da come tutti i Paesi terzi, ad esclusione della Repubblica di Serbia e Repubblica della Macedonia del Nord, saranno sottoposti a quarantena per un periodo di 14 giorni presso la loro abitazione o altro luogo di soggiorno presso il quale il soggetto ha dichiarato di risiedere, con prescrizione da parte del direttore del competente Ispettorato sanitario regionale o da parte di un funzionario da esso autorizzato.

Articolo 6 – ECCEZIONI OBBLIGO DI QUARANTENA –

  1. È ammessa un’eccezione all’obbligo di quarantena dei soggetti di cui al punto 5 per quanto riguarda:
  2. a) Cittadini bulgari e cittadini di altri Paesi membri dell’Unione Europea (UE), del Regno Unito e dell’Irlanda del Nord, Paesi facenti parte dell’Accordo Schengen (inclusi la Repubblica di San Marino, il Principato di Andorra, il Principato di Monaco e lo Stato della Città del Vaticano), che sono soggetti come da punto 2, lettere “f” [Soggetti in viaggio per ragioni umanitarie] e “g” [rappresentanti di attività commerciali, economiche e di investimento ed i soggetti che abbiano un rapporto diretto con: costruzione, manutenzione, messa in opera e assicurazione della sicurezza dell’infrastruttura critica e strategica della Repubblica di Bulgaria, adempimento di progetti, certificati dalla Legge sulla Promozione degli investimenti, analisi di progetti di potenziali investitori e altre attività di rilievo per l’economia del Paese, attestato con lettera del Ministro dell’Economia o altro Ministro, responsabile per la determinata attività, unitamente ai soggetti impiegati in attività di costruzione navale e riparazione navale]
  3. b) autisti di autobus operanti il traporto internazionale di passeggeri;
  4. c) autisti di camion che effettuano o concludono il traporto internazionale di beni e merci.
  5. d) Membri dell’equipaggio di imbarcazioni a vela – cittadini bulgari
  6. e) I soggetti come da punto 2, lettere “b” [Specialisti medici, ricercatori medici, assistenti sociali ed i loro dirigenti, quando lo scopo del viaggio è inerente alla professione da loro svolta], “c” [Lavoratori impiegati nella distribuzione e consegna di medicinali, prodotti medici e materiali protettivi, apparecchiature mediche, incluse le attività di montaggio e manutenzione degli stessi], “e” [Funzionari ufficiali stranieri (capi di Stato, membri di rappresentanze ecc.) e i membri delle loro delegazioni, unitamente a diplomatici, impiegati di organizzazioni internazionali, militari e operatori umanitari per adempiere alle loro funzioni] ed “i” [lavoratori frontalieri], a prescindere dalla loro nazionalità.

A parte le eccezioni indicate sopra, permane quindi un generale obbligo di quarantena per tuti i viaggiatori in ingresso in Bulgaria provenienti dall’Italia.

Queste disposizioni potrebbero variare in base all’evolversi della situazione.

https://www.mh.government.bg/…/zdravniyat-ministr-izdade-…/…

—————————————————————–

Le aziende associate in supporto delle aziende: 

  • Vi segnaliamo che Deloitte Bulgaria, azienda Associata a Confindustria Bulgaria, ha avviato l’iniziativa “Crisis Helpdesk 4U”. Un help desk gratuito per rispondere alle domande più frequenti sulle questioni legali e fiscali in un contesto così variabile a causa dell’emergenza COVID-19. Deloitte Bulgaria vuole supportare le aziende e aiutare tutti coloro che stanno avendo difficoltà nel gestire il susseguirsi nel Paese di misure e manovre che possono avere un forte impatto sui business aziendali. Per maggiori informazioni e per prenotare una consulenza vi invitiamo a inviare una e-mail a: cebghelpdesk4u@deloitte.com
  • Il nostro associato Studio legale Tzvetkova & partners, data la delicata situazione economica e sociale che la Bulgaria sta vivendo, ha deciso di fornire consulenza gratuita ai nostri associati su temi riguardanti il lavoro (smart working, sicurezza sul lavoro, ecc..); le attività commerciali (rescissione di accordi in essere, sanzioni, ecc..); i viaggi (cancellazione e rimborso delle prenotazioni); i trasporti (problemi di consegne, ordini annullati); la privacy e il fisco. Per maggiori informazioni e per prenotare una consulenza vi invitiamo a contattare lo Studio legale Tzvetkova & partners inviando una mail a: st.tzvetkov@tzp.bg. Di seguito alcuni documenti utili:

Employment law.update

Force majeure

Personal documents.Bg and foreigners

Tourism

Art.6 (INGLESE)

Tax law (INGLESE)

Cambiamenti Legge Stato di emergenza (INGLESE/BULGARO)

La misura 60/40 (INGLESE)

  • Il nostro associato Djingov, Gouginski, Kyutchukov, Velichkov, ha avviato il progetto #WESUPPORTYOU.  Lo studio DGKV supporterà con consulenza legale  PMI, imprenditori e start-up che offrono o intendono offrire prodotti e servizi innovativi volti a superare e ridurre gli effetti negativi causati dall’emergenza COVID 19.  Potete trovare maggiori informazioni sul sito dello Studio legale DGKV (link sito)  
  • Il nostro associato Studio legale Penkov & Markov fornisce costanti aggiornamenti sulle tematiche legali legate all’emergenza COVID-19. Qui trovate le nuove possibilità e condizioni legali relative a lavoratori e imprese in INGLESE e BULGARO.

La misura 60/40 al 1.04.2020 (INGLESE)

PM&P Agenzia delle entrate (INGLESE)

Sanità (INGLESE)

Mercato finanziario (INGLESE)

Le cause in corso (INGLESE)

  • GrECo Bulgaria EOOD, il broker assicurativo membro di Confindustria Bulgaria ha elaborato un materiale che riguarda le modalità per limitare i rischi nella situazione di emergenza.

Limirate i rischi (BULGARO)


Indicazioni del Ministero dell’Economia bulgaro:

Confindustria Bulgaria collabora con il Ministero dell’Economia bulgaro nella raccolta di informazioni sulla difficoltà che le aziende stanno vivendo in queste settimane, proprio per questo siete tutti invitati a segnalarci le problematiche a cui questa emergenza vi sta costringendo, così da permetterci di inviare un report puntuale al Ministero. Inoltre il Ministero si è detto pronto a supportare le aziende che producono materiale sanitario con forniture di materie prime anche dall’estero.
Confindustria Bulgaria invierà al Ministero dell’economia bulgaro una lista delle aziende associate in grado di fornire materiale medico/sanitario. Vi chiediamo di segnalarci se siete operanti anche in questo settore.

—————————————————————–

TRASPORTI:

L’UE ha chiuso i confini esterni per 1 mese dal 17 marzo. Si aspettano ulteriori dettagli per i confini interni.

—————————————————————–

Siamo tutti invitati a seguire le indicazioni sanitarie e di precauzione/prevenzione indicate dalla autorità competenti, tenersi costantemente aggiornati è estremamente importante in questo momento di generale incertezza. Proprio per questo qui di seguito si riportano link utili dove poter avere informazioni ufficiali in tempo reale:

 

I comportamenti da seguire:

coronavirus_comportamenti-da-seguire

locandina-ministero-della-salute

come-lavarsi-le-mani

 

—————————————————————–

Funzionamento ufficio Confindustria Bulgaria:
Per essere in conformità con le indicazioni governative e per assicurare la salute degli associati e dello staff, da venerdì 13 marzo l’ufficio dell’Associazione lavorerà per via telematica.

—————————————————————–

Di seguito in oltre, è disponibile una lettera aperta del nostro Presidente, Maria Luisa Meroni, dove riporta la posizione ufficiale dell’Associazione invitando tutti a proseguire le proprie attività, tenendo però sempre presenti le proprie responsabilità di imprenditori.

Lettera del Presidente Meroni

Intervista di Plovdiv24.bg al Presidente Meroni

Aggiornamento su temi economici e d’interesse delle imprese

Il carattere umanitario dell’epidemia da COVID-19 resta di gran lunga l’aspetto più urgente da trattare, ma purtroppo non l’unico: gli imprenditori hanno da subito manifestato forte preoccupazione per la diffusione dell’epidemia in Cina e in modo molto più marcato dopo la scoperta di focolai in Italia. Proprio per questo Confindustria sta costantemente monitorando l’impatto che l’emergenza sta avendo sulle nostre aziende. Qui di seguito il link al primo report sull’impatto economico dell’epidemia.

Qui il report per intero: Report