Evento”Obiettivo Balcani” – Treviso

La seconda tappa del road show che Confindustria Balcani sta tenendo in Italia per presentare le proprie attività all’imprenditoria italiana è stata Treviso. La capitale della Marca è da sempre una delle realtà economiche italiane più attente alle dinamiche dell’internazionalizzazione e maggiormente impegnate nella penetrazione dei mercati dell’Europa centrale e sudorientale.
 
La risposta dell’imprenditoria veneta alla seconda tappa del ciclo di conferenze è stata positiva. Dopo il buon risultato ottenuto a Milano lo scorso 18 ottobre, Confindustria Balcani e le associazioni che compongono la Federazione hanno raccontato le storie delle imprese italiane che lavorano in questa macroregione e ne affrontano i mercati.
L’appuntamento trevigiano ha visto la partecipazione di 200 imprenditori ed e’ stato aperto dagli interventi del Vice Presidente con delega all’internazionalizzazione di Unindustria Treviso Katia Da Ros e del Presidente di Bulbank e Vice Presidente dell’Associazione Industriale Bulgara KRIB Levon Hampartzoumian, a testimonianza del ruolo centrale che l’imprenditoria italiana in Bulgaria ricopre nel progetto.
Dopo un’introduzione del Vice Presidente di Confindustria Balcani Luca Serena, trevigiano di origine, l’evento si e’ sviluppato come una tavola rotonda a cui hanno partecipato imprenditori italiani attivi in Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Serbia e Romania. La Bulgaria e’ stata rappresentata da Giuseppe De Francesco, Amministratore di Rigoni di Asiago in Bulgaria, una delle eccellenze venete nel Paese. De Francesco ha raccontato lo sviluppo del gruppo in Bulgaria in un settore innovativo come quello dell’agricoltura biologica.
L’approfondimento finanziario e’ stato affidato a Marco Esposito di UniCredit Tiriac che ha evidenziato il ruolo di primo piano del gruppo bancario nell’area, la sua presenza capillare e il suo rapporto di sostegno all’imprenditoria italiana nei Balcani.
Gli imprenditori presenti hanno potuto quindi porre le proprie domande ai presenti dando vita ad un dibattito in cui e’ stato possibile analizzare aspetti positivi e criticita’ dei Paesi della regione.
Luigi Salvadori, Presidente di Confindustria Balcani, ha concluso l’incontro ricordando l’importanza dei servizi che le associazioni di imprese attive nell’area – come Confindustria Bulgaria, che rappresenta il modello a cui le nuove associazioni guardano – possono erogare alle aziende italiane che guardano con interesse a questa realta’.
Gli eventi “Obiettivo Balcani”, realizzati in partnership con UniCredit e in collaborazione con il Sole 24 Ore, proseguiranno il 25 gennaio a Bologna.
 Per maggiori informazioni è sufficiente contattare Confindustria Balcani all’indirizzo segreteria@confindustriabalcani.it.

 

Documenti

Programma Obiettivo Balcani Treviso